Aggiornamenti sulla Roadmap di SharePoint 2016

Rispetto a quanto precedentemente anticipati (anche se mai ufficialmente), SharePoint 2016 pare non uscirà entro la fine di quest’anno… ma la roadmap aggiornata segnala che la beta pubblica di SharePoint 2016 verrà rilasciata nell’ultimo trimestre del 2015, mentre la versione RTM è prevista per la primavera del 2016.

Anche Dan Holme ne parla e traccia anche alcune delle caratteristiche che ci potremo aspettare in SharePoint 2016.

SharePoint Server 2016 Update

Microsoft si compra Datazen

Microsoft ha acquisito Datazen, una delle più importanti piattafome per la mobile business intelligence.

Visual02

I titolari di licenza di SQL Server 2008 o successive, Enterprise edition con software assurance, hanno il diritto di adottare Datazen Software senza costi aggiuntivi.

Una buona mossa e, come dice anche Marco Russo, speriamo non “brucino” il prodotto, come avvenuto per ProClarity…

Quanto sono effettivamente utilizzati i Corporate Social Networks?

La mia personale esperienza racconta che dopo aver introdotto strumenti per l’Enterprise Social, quali ad esempio Yammer, su realtà che già disponevano di una intranet aziendale (SharePoint), si sono verificati alcuni fenomeni:

  1. alcuni utenti che erano restii ad utilizzare SharePoint hanno iniziato ad utilizzare Yammer
  2. gli strumenti mobile, resi disponibili da Yammer (e in parte residua da SharePoint) hanno stimolato ad un maggiore utilizzo “remoto”, anche quando si è fuori ufficio
  3. dopo un primo momento di “disorientamento” (che andrebbe sempre supportata da iniziative formative e di lancio del nuovo strumento), è aumentata la consapevolezza di ruoli differenti tra le due piattaforme, sfruttando Yammer per la comunicazione (riducendo l’utilizzo di email e distribution list) e SharePoint per gli aspetti di collaboration e condivisione documentale.

Guardandosi in giro, ho trovato una ricerca di Altimeter Group, condotta su un campione di 250 dipendenti provenienti da 55 aziende, dove appare abbastanza chiara una minore affezione verso i corporate social network:

W150402_LI_CORPORATESOCIAL

L’articolo poi ne argomenta le ragioni, e credo –a mio avviso- vada interpretato l’utilizzo di strumenti diversi per interazioni diverse.

Microsoft e il Cloud

Recentemente i Microsoft Partner si sono riuniti per l’evento europeo, in vista della consueta Worldwide Partner Conference estiva, e tra i temi in evidenza indubbiamente quello del Cloud.

I dati di penetrazione del cloud sono davvero importanti, e l’Italia sta facendo la parte del leone (come rappresentato dalla foto qui sotto, di cui ringrazio @AndreaPescino):

image

In questi giorni mi è inoltre capitato di leggere, sul sito dedicato ai MS Partner, qualche numero interessante, a testimonianza del ruolo centrale del cloud nelle strategie di Microsoft:

Microsoft Office 365

• 77% of Fortune 500 companies have purchased it in the past 12 months
• With a US$2.5 billion run rate, it’s Microsoft’s fastest growing business
• Microsoft Office 365 posted triple-digit growth for 21 consecutive months
• Microsoft partners have accounted for 3/4 of the sales to Microsoft Office 365 customers

Microsoft Azure

    • 57% of Fortune 500 companies are using Microsoft Azure
    • Welcomes 1,000 new customers per day
    • Currently 1.2 million businesses and organizations use Microsoft Azure Active Directory
    • Microsoft Azure gains two times the compute and storage capacity every 6-9 months

Microsoft Dynamics CRM Online

    • Features US$4.25 million users and 40,000 customers
    • Posted double-digit growth for 40 consecutive quarters
    • Over two years, doubles subscription revenue per partner
    • 15% compound annual growth rate through 2018 for CRM app software

Utilizzare i Dynamic Groups di Azure AD su SharePoint Online

Per chi utilizza SharePoint Online, su Office 365, ed ha la possibilità di abilitare i servizi Premium di Azure AD, si apre un’interessante novità, che risponde ad una delle esigenze “storiche” di chi implementa soluzioni su SharePoint.

Tutti sanno che le autorizzazioni di SharePoint sono prevalentemente basate sulla membership di un utente all’interno di un gruppo, e molto spesso questa caratteristica si presenta “rigida” e poco flessibile… dovendo, a volte, manutenere e modificare frequentemente gli appartenenti ad un determinato gruppo per applicare le giuste autorizzazioni al modificarsi dell’organizzazione.

I Dynamic Groups offerti dai servizi Premium di Azure AD offrono la possibilità di gestire gruppi con membership “dinamica”, ossia definiti sulla base di regole, come potrebbe essere il contenuto di una delle proprietà dell’account AD.

Ad esempio, volendo definire un gruppo, su cui applicare specifiche permissions, di tutti gli utenti manager… sarà possibile creare un Dynamic Group che aggregherà tutti gli utenti che hanno all’interno del proprio campo “Job title” la parola “manager”.

Ovviamente se nel tempo qualche altro utente dovesse fare carriera, e diventare manager, automaticamente si troverà a far parte del Dynamic Group dei Manager.

Dynamic Memberships

Sul blog di Wictor Wilén è possibile trovare qualche dettaglio in più.

Office 365 è lento? Ecco Azure ExpressRoute

Qualcuno lamenta la lentezza o la poco predicibile velocità di connettività tra la propria infrastruttura aziendale e Office 365.

Del resto ben sappiamo che normalmente si utilizza una connettività Internet pubblica per accedere ai servizi di Office 365, con i conseguenti vantaggi (costi) e svantaggi (instabilità).

Oggi Microsoft ha annunciato un nuovo servizio chiamato Azure ExpressRoute, grazie al quale un cliente di Office 365 può decidere di attivare una connettività a banda garantita (MPLS) verso Azure e da qui raggiungere Office 635 attraverso Azure ExpressRoute.

ExpressRoute granatisce la qualità di banda e la disponibilità del servizio con gli abituali SLA del 99,9%.

Azure ExpressRoute 1

Tra pochi giorni i Community Days 2015

Mancano solo pochi giorni alla prossima edizione dei Community Days 2015, che si terranno il 24-25-26/03/2015 presso la sede di Microsoft Italia – Via Lombardia 2/a-1, 20068 Peschiera Borromeo (MI).

CommunityDays.it

Per SharePointCommunity.it saremo sul palco io e Paolo Pialorsi, e parleremo di Office 365 e SharePoint Online.

L’evento è sostenuto dalle principali community italiane e coinvolgerà un centinaio di speaker:

1nn0va

ASPItalia.com

DomusDotNet

DotDotNet

DotNetAbruzzo

DotNETCampania

dotNetHell

DotNETLiguria

DotNetLombardia

DotNetMache

DotNetPodcast

DotNETSide

DotNetToscana

DotNetUmbria

GUISA

Italian C++ Community

Italian Dev Connection

OrangeDotNet

SharepointCommunity.it

UGIdotNET

UGISS

Visual Basic Tips & Tricks

 

 

Office 2016 per Mac, con supporto per SharePoint

Ieri è stata annunciata la public preview di Office 2016 per Mac.

Finalmente (per chi usa Mac) una versione più vicina a quella usata dagli utenti Windows (2013) e a quanto verrà introdotto su Office 2016 per Windows (secondo semestre 2015).

Crea, collabora e presenta in modo efficace le tue idee.

Finalmente introdotto il supporto nativo per SharePoint e per OneDrive/OneDrive for Business:

Anche Outlook, già rilasciato di recente, farà parte della suite Office 2016 for Mac, seguendo le orme della corrispondente suite per Windows.

E’ possibile scaricare la preview qui.

Data Encryption su SharePoint Online

Circa un anno fa, in occasione della Microsoft SharePoint Conference 2014 di Las Vegas, fu anticipato da Bill Baer l’introduzione di un nuovo sistema di cifratura dei dati su SharePoint. Il nome in codice del progetto ricordo si chiamava “Fort Knox”.

Ora la data encryption su SharePoint Online (e quindi su OneDrive for Business) è realtà, e il Team di SharePoint ha pubblicato diverse risorse per descriverne il funzionamento.

image

In estrema sintesi, si tratta di un doppio sistema di encryption, uno sullo storage (viene utilizzato BitLocker) e uno sui file.

image

I file sono suddivisi in “chunks” (come chi conosce lo Shredded Storage di SharePoint conosce già), e ciascun “frammento” viene cifrato,  i dati sono quindi distribuiti su differenti Microsoft Azure Storage Containers.
Di conseguenza i dati archiviati sui Content DB risultano cifrati attraverso delle chiavi memorizzate sullo Key Store, che a sua volta beneficia di tutte le attenzioni di protezione e di intrusion prevention.

image

Risorse per l’approfondimento:

Come sempre, seguendo il motto del “cloud first”, le funzionalità sono rilasciate su Office 365, e scopriremo se faranno parte o meno della prossima release di SharePoint on-premises, l’annunciato SharePoint 2016.