Sold-out a SQL Server Conference 2009

In realtà il nome corretto è Microsoft SQL Server & Business Intelligence Conference 2009 ma la notizia è che la conferenza ha fatto il tutto esaurito e le iscrizioni sono ormai chiuse (anche se in fondo manca meno di una settimana all'inizio). La notizia è una notizia perché, in un periodo difficile per l'economia come quello attuale, una conferenza a pagamento che fa il pieno non è qualcosa che si può dare per scontato.

L'auspicio che personalmente ne traggo è che le aziende che sopravviveranno e sapranno fare i giusti investimenti (sulla qualità e non solo sul "tagliare i costi" senza pensare alle implicazioni a lungo termine di ogni azione che si compie) saranno quelle che cresceranno di più quando le cose miglioreranno. Mi capita spesso (l'ultima volta pochi giorni fa) di discutere su come migliorare l'efficienza. C'è chi pensa che l'efficienza di un'azienda si misura nella riduzione dei costi. Altri (tra cui il sottoscritto) preferiscono considerare l'aspetto più complessivo per cui si deve migliorare il rapporto ricavi/costi. Se i ricavi scendono, i costi vanno abbassati. Ma se si abbassano quelli sbagliati, si genera come conseguenza un'ulteriore discesa dei ricavi, innestando una spirale "virtuosa" ma nella direzione sbagliata.

Vedere che esiste un numero consistente di aziende che decide di investire per migliorare i propri skill per essere più competitive sul mercato (aumentare gli skill, aumentare la capacità di produrre fatturato, diminuire i costi perché si fanno meno errori imparando da chi c'è già passato…) è un bel segnale. Di cauto ottimismo, per chi sa vedere il bicchiere mezzo pieno.

Automatizzare la route per una VPN senza default gateway

Qualcuno si chiederà perché mai faccia un post con questo titolo, ma la ragione è che probabilmente è il modo migliore per ritrovare il post tra qualche tempo.

Il problema credo sia comune a tutti: quando si va in VPN per fare assistenza remota, bisogna scegliere se abilitare il default gateway sulla rete remota (che è il default) inibendosi alcune funzionalità sulla propria rete (tipicamente la navigazione su Internet, spesso anche altro), oppure se impostare a mano le tabelle di routing. Logica vorrebbe che si automatizzi tutto con un solo script. Purtroppo l'indirizzo IP assegnato al lato "client" della VPN non è sempre lo stesso, pur arrivando sempre dalla stessa subnet. Ecco così che a furia di dover fare la connessione in VPN, vedere l'indirizzo assegnato con IPCONFIG e dare il comando di route a mano, ho deciso che doveva esserci un sistema più furbo.

Con Powershell si hanno un po' di strumenti in più e ho trovato questo script che, pur non essendo "ortodosso", funziona e risolve il problema (dovrebbe funzionare nel 90% dei casi, i problemi ci sono se si hanno subnet simili a quella del cliente nella propria rete…).

A questo punto ho due script: uno che consente di lanciare la VPN (ed eseguo con l'utente "non-admin"), l'altro che devo eseguire con un utente "admin" (uso Vista) per poter modificare le tabelle di routing. Se qualcuno mi trovasse il modo per fare un solo script… magari funzionante come non-admin (si possono cambiare questi privilegi sull'utente?) sarei molto contento.

SQL Data Services comincia a fare sul serio

La nuova versione (ancora CTP) di SQL Data Services fornirà funzionalità analoghe a quelle di SQL Server. E soprattutto adotterà il protocollo TDS (Tabular Data Stream) rendendo di fatto il database fruibile da applicazioni esistenti. Chiaramente bisogna poi vedere cosa funziona e cosa no, ma è interessante leggere i post nel blog di SQL Data Services, sia l'annuncio che le successive domande e risposte,

Sebbene usare un servizio SQL Server remoto (via Internet) possa non sembrare la cosa più smart che uno possa fare (se non per applicazioni molto banali), il discorso cambia (e parecchio) quando anche il business tier (se non tutta l'applicazione) viene poi montata "on the cloud" su Azure. A dispetto del (relativo) silenzio di questi ultimi 3 mesi, Microsoft non si è fermata su questo fronte e la novità su SDS è certamente importante per semplificare la migrazione su quel modello di un'applicazione esistente.